Turismo Abano Montegrotto 2020 - Come sarà?

È domenica 24 maggio 2020, mattina inoltrata. In questo periodo, in condizioni normali, i nostri alberghi di Abano e Montegrotto sarebbero stati pieni di turisti.

 

Maggio, infatti, è un mese di forte affluenza, perché precede l'estate delle vacanze al mare sotto il sole di Riccione, e viene dopo i mesi freddi dell'inverno, in cui è bello stare coccolati in pigiama sotto il piumone nello chalet in montagna a 2000 metri, con fuori la neve e il lupo che ulula.

 

Le giornate a maggio sono tiepide, si iniziano a sfoggiare le magliette colorate comprate coi saldi ad agosto 2019, anche quella maglietta in offertissima a 9,99 €.

 

Maggio 2020 per Abano e Montegrotto verrà ricordato per il momento della RINASCITA: dopo quasi 3 mesi di chiusura forzata, le attività e, in particolar modo gli alberghi, potranno iniziare a riaprire.

 

Finalmente passeggiando non vedremo più le sale da pranzo degli alberghi con tavoli uno sopra l'altro, e sedie tutte ammassate in un lato.

 

Finalmente le fontane si riprenderanno dalla loro siccità forzata di questo periodo, e l'acqua tornerà a zampillare e tornare ad essere bersaglio di fotografie da filtrare e instragrammare.

 

Acqua, l'elemento principe di queste terre, che scorre nel sottosuolo a temperatura quasi bollente, e riaffiora negli stabilimenti termali per farci stare Bene.

Ricordo benissimo quella volta che con UNA inalazione, mi passò la tosse che da giorni mi faceva compagnia. Quasi non credevo. Le proprietà di quest'acqua sono veramente eccezionali.

Non per niente ad Abano e Montegrotto vengono turisti da tutto il mondo, essendo il primo centro termale d'Europa.

 

Ma come sarà questa stagione 2020? La mia idea è che il "da tutto il mondo" sarà quest'anno sostituito da "da tutta Italia". Penso cioè che gli stranieri ci metteranno ancora un po' di settimane prima di superare il confine ALT - DOGANA.

 

Sarà probabilmente un turismo molto italiano. Anche grazie al bonus vacanza, che da diritto a chi ha isee inferiore a 40.000€, di sconti fino a 500€, da spendere in un unico soggiorno, entro il 31 dicembre.

 

Sarà un turismo caratterizzato dai grandi spazi: gli alberghi di Abano e Montegrotto sono ENORMI, e, avendone diminuito la capacità per far fronte alle distanze di sicurezza, sono certo che ogni coppia/famiglia/single avrà la propria privacy. Avrà il proprio lettino in giardino o a bordo piscina, con drink alla mano.

A proposito, probabilmente sarà privilegiato il servizio bar al lettino, piuttosto che al bancone del bar, per evitare assembramenti.

 

Sarà presumibilmente suggerito di ordinare la colazione in camera, così da provare l'ebbrezza romantica di sentire il cameriere bussare la porta, di farlo entrare col vassoio mentre ci si sistema velocemente i capelli arruffati, e farsi venire l'acquolina in bocca alla vista e profumo dei croissant ripieni di crema.

 

Per il resto penso che la vita in albergo rimarrà la stessa, a parte forse i buffet di pranzo e cena, che probabilmente verranno aboliti, oppure verranno lasciati solo per visione, per poi ordinare ai camerieri.

 

I trattamenti benessere quali fanghi e massaggi sono sempre stati a rapporto 1 a 1, quindi da quel punto di vista non c'è cambiamento, a parte il dover tenere la mascherina... fino a quando ne rimarrà l'obbligo.

 

Penso che la gente si muoverà di più, scoprirà l'andare in bicicletta, l'andare per sentieri. E i colli euganei sono proprio l'ideale.

 

Questo lockdown ci ha tenuto troppo tempo in casa: è ora di tornare a vivere in mezzo alla natura. È ora di tornare a respirare il profumo della terra. Il profumo dei fiori. Il profumo della vacanza.

 

Federico

Tramonto sui colli euganei
Tramonto sui colli euganei

Scrivi commento

Commenti: 0