· 

Abano, il 28 maggio del 1428 QUI apparì la Madonna

Cari amici,

oggi vi parliamo di un luogo miracoloso. Un luogo storico, meta di moltissimi visitatori. Un luogo in cui, il 28 maggio del 1428, apparì la Madonna a Pietro Falco.

Santuario della Madonna della Salute, Monteortone
Santuario della Madonna della Salute, Monteortone

Stiamo parlando del Santuario della Madonna della Salute, di Monteortone. Monteortone è una frazione di Abano Terme, che si può raggiungere comodamente a piedi, oppure in bicicletta, o in auto (è presente il parcheggio).

 

L’origine di questo santuario risale al 1428, quando il soldato Pietro Falco si ritirò in preghiera in questo luogo e vide la Madonna, che lo invitava ad immergersi nell'antica fonte termale che lì sgorgava in un boschetto, e gli ordinava la costruzione di una chiesa a lei dedicata in cambio della rapida cessazione della pestilenza che imperversava in quel periodo a Padova. Guarì da vecchie ferite, riportate in battaglia agli arti inferiori.

 

   “Va’, Pietro, e in questo fonte lavati che recupererai la sanità. Risanato, cerca nel fondo delle acque, perché sepolto tra i sassi troverai un quadretto con la mia immagine. Manifesta a tutti, con la grazia ricevuta, il quadro ritrovato, dichiarando che questo luogo silvestre è sotto la mia protezione e che bramo per l’avvenire sia qui riverito il nome del mio santissimo Figlio e il mio”.

 

Guarito miracolosamente, il protagonista della vicenda rinvenne tra i sassi una tavola dipinta raffigurante la Vergine con Gesù Bambino e ai lati San Cristoforo martire e Sant'Antonio Abate.

Quadro: la Madonna con Gesù, a sinistra San Cristoforo Martire, e a destra Sant'Antonio. Si trova nell'abside dell’altare maggiore
Quadro: la Madonna con Gesù, a sinistra San Cristoforo Martire, e a destra Sant'Antonio. Si trova nell'abside dell’altare maggiore

Diffusasi la notizia del miracolo, un numero sempre maggiore di devoti iniziò a visitare la località.

 

Fecero costruire dapprima la realizzazione di un oratorio presso il luogo dell’apparizione, e quindi la costruzione di un vero e proprio santuario. Congiuntamente alla chiesa fu eretto anche un convento, in cui i frati avrebbero custodito la fonte, l’immagine sacra e il ricordo del miracolo.

La fonte di Pietro Falco, ovvero il suo luogo di guarigione, da cui sgorga l’acqua miracolosa, è inglobata in una grotta in muratura a destra del Santuario e risulta, oggi come un tempo, accessibile a visitatori e pellegrini attraverso una piccola scala in pietra che conduce dove l’acqua zampilla, calda e benefica, immutabile eppure sempre diversa.

ORARI SANTE MESSE AL SANTUARIO DI MONTEORTONE

Tutti i giorni alle ore 18

Di domenica, anche alle ore 7:30 - 8:45 - 11:15

Scrivi commento

Commenti: 0